Il recupero funzionale post infortunio
17 Aprile 2018

Per un ottimo recupero funzionale post infortunio, un buon percorso riabilitativo è fondamentale.

Nella palestra del CTR svolgiamo, fin dalle prime fasi, esercizi per il recupero articolare e del gesto tecnico corretto con l’ausilio di un professionista esperto, assicurandoci una corretta crescita della forza muscolare.

Nello specifico, il recupero dell’articolarità è affidata all’esperienze dei fisioterapisti, che attraverso esercizi in passiva, ridanno la mobilità all’articolazione; il recupero della forza invece, è affidata alle scienze motorie, che grazie allo svolgimento di esercizi attivi fanno crescere il tono muscolare.

Molta importanza è data al rapporto paziente- fisioterapista, ecco perchè il professionista è il medesimo per tutto il percorso riabilitativo.

La riabilitazione si suddivise in due fasi differenti:

-La prima fase è il recupero del corretto funzionamento del muscolo, fondamentale per i gesti della vita quotidiana, in particolare il passo.

-La seconda fase è il recupero totale dall’infortunio, grazie all’utilizzo di attrezzi classici e macchine complesse.

Importante citare a nostra macchina Kinesis, attrezzo prodotto dalla tecnogym, con una variabilità di utilizzo molto ampia, grazie al quale si possono svolgere esercizi mirati al potenziamento del singolo distretto muscolare.

Vi sono poi la pressa ad aria compressa, utile per l’aumento della massa in modo costante e controllato e l’Icono, macchina creata da flyconpower.

Quest’ultima, ci permette di lavorare in modo isoinerziale – concentrico, assistendo così all’accorciamento del muscolo ed all’avvicinamento dei capi articolari interessati, ed eccentrico, dove il ventre muscolare tende ad allungarsi e i capi articolari ad allontanarsi, assecondando la resistenza esercitata dall’esterno ed il rallentamento del movimento.

Il lavoro isonerziale è una metodica che utilizza macchine, generando resistenza grazie ad una massa posta in rotazione. In poche parole, tanta forza metto nello svolgere l’esercizio in maniera concentrica, tanta forza la macchina mi restituirà nel lavoro eccentrico.

Il risultato finale sarà non solo un aumento della massa muscolare, ma anche di resistenza agli infortuni ed all’affaticamento.

Al CTR, con l’utilizzo del protocollo isocinetico lo sportivo non viene mai trascurato, o peggio ancora, lasciato a se stesso nello svolgere esercizi, perché vi è la garanzie di un professionista presente in tutte le fasi del periodo di riabilitazione.